Vuoi scriverci?

Vuoi sapere dove siamo?

Non pensavo più che gli Angeli

scritto da don Lorenzo Franzoni

Dopo aver letto “Pas dopo pas” di Matteo Faberi e la fiaba sudamericana “Gli angeli sulla terra” di don Mario Castagnini.

 

No pensae piö
che i angei
i vigniés che en tera
a fa veder
la bontà del Signùr.
Co le ale bele e bianche,
i me scundia
dal pecato e da ogni male,
söi senter de la me vita,
per fam veder, sò al Aldelà, la bontà infinita.

Ma i me cönta
che tante olte
de dré dei ös de certe case,
i è prope lur
i angei del Signùr.
Sensa piö le ale bele e bianche,
co i ucì stort e picinì,
co le gambe seche e magre,
enganfide le manine.
I è surt e möcc.  

Se tei vedet,
te pians el cör.
Ma sicur !
I è prope lur
i bei angei del Signor.

Vardei be!
Staga ensema,
come bubà e la so mama.  

Se derf el cör
e te se nascorsét
i è vignit che en tera, prope lur,
per fat veder
la bontà del Signor.

Sta atento,
con amur,
te te sentaré
en pò piö bù!

 

Non pensavo più
che gli angeli
venissero qui in terrà
a far vedere
la bontà del Signore.
Con le ali belle e bianche,
mi nascondevano
dal peccato e da ogni male,
sui sentieri della mia vita,
per farmi vedere, su all'Aldilà, la bontà infinita.

Ma mi raccontano
che tante volte
dietro agli usci di certe case
sono proprio loro
gli angeli del Signore.
Senza più le ali belle e bianche
con gli occhietti storti e piccini,
con le gambe secche e magre,
rattrappite le manine.
Sono sordi e muti.

Se li vedi
ti piange il cuore.
Ma sicuro!
Sono proprio loro
i bei angeli del Signore.

Guardali bene!
Stagli assieme,
come papà e la sua mamma.

Si apre il cuore
e ti accorgi
sono venuti qui in terra, proprio loro,
per farti vedere
la bontà del Signore.

Sta attento,
con amore,
ti sentirai
un pò più buono!

 

X