Vuoi scriverci?

Vuoi sapere dove siamo?

Pas dopo Pas - Passo dopo Passo

scritto da Matteo Faberi
 

Pàs dopo pàs,
pianì, sensa fressa,
ma sensa gnà fermas.

Co la costansa de vulì ‘mparà,
a müit come töcc
per esser buna de rangiàt.

Chel che per tacc l’è roba de poc,
töte le olte l’è ‘na conquista,
e a noalter se ‘nlümina i öcc.

Prima sgatunà per la cusina,
po’ te riet en zinüciù
e sö drita ‘n pé come ‘na siurina.

La strada l’è longa, gh’è de faigà,
ma töte le gosse de südùr
de la mama e del bubà

le deènta ‘na surtia fresca e ciara,
che bat en del cör de lur dù,
e de töcc chèi che te sta visì

la va föra e la turna ‘n dré,
te la ricambiet, l’è ‘n grant amur
che co tate còcole porta a dì: 
te völòm bé.

Passo dopo passo,
piano piano, senza fretta,
ma senza nemmeno fermarsi

Con la costanza di voler imparare
a muoverti come tutti
per saperti arrangiare

Quello che per tanti è poco
tutte le volte è una conquista
e a noi s'illuminano gli occhi.

Prima a gattoni per la cucina
poi arrivi in ginocchio
e su in piedi come una signorina.

La strada è lunga, c'è da faticare,
ma tutte le gocce di sudore
della mamma e del papà

diventano sorgente fresca e chiara
che batte nel cuore di loro due
e di tutti quelli che ti sono vicini,

va fuori, torna in dietro,
la ricambi, è un grande amore
che con tante coccole ci fa dire
ti vogliamo bene.

 

X